Beni Architettonici segnalati >> Torre Talao
Italia - Calabria - CS - Scalea

Tipologia
Bene Architettonico

Descrizione
La torre è situata nel centro abitato della località Torre Talao su un isolato roccioso oggi legato alla terraferma, a pochi metri dal mare. Un tempo lo “scoglio” su quale sorge era completamente circondato dalle acque, come una vera e propria isola. Testimonianze confermano che le grotte presenti nella formazione rocciosa fossero abitate in epoca preistorica.
La torre venne costruita da Carlo V su consiglio del vicerè di Napoli, a difesa dei territori dalle incursioni saracene.
La costruzione della fortificazione fu interamente a carico della popolazione locale che contribuì economicamente o attraverso prestazione d'opera e si presenta come una massiccia torre troncopiramidale a pianta quadrata di 13 metri di lato sviluppata su tre livelli. Al pianterreno vi è una sola apertura di ingresso e locali coperti da volta a botte con botola di comunicazione con il piano superiore. Una doppia scala esterna addossata alla costruzione conduce al primo piano, in cui sono numerose le bucature e vi è la presenza di ambienti voltati a botte, di un camino e di un forno,  ed al ballatoio dell’ultimo livello, da qui una scala ricavata nella muratura conduce al terrazzo. Diverse le aperture presenti su tutti i fronti. Sul lato mare è addossato un successivo edificio in parte crollato; prima del recente restauro, era visibile la traccia di una caditoia. Intorno al complesso sono visibili tracce del muro di cinta. Una caratteristica particolare è inoltre la presenza nel piazzale del lato mare di un’aia con piattaforma circolare. Nel tempo la fortificazione ha subito diverse destinazioni d’uso e molte evoluzioni. “Nel 1600 viene assalita da Asnurt Rais e nel 1699 vengono tolti i due cannoni di armamento. Compare in un elenco di torri da riparare nel 1741 e nella carta del Rizzi-Zannoni”. Le sue evoluzioni nel tempo sono denunciate anche dalla struttura muraria. Questa, in pietrame misto di diversa dimensione e malta, con ricorsi orizzontali in laterizio, presenta alcune parti basamentali con tessitura differente dalle restanti.

Fonti bibliografiche:
Calderazzi A. - Carafa R. (a cura di), La Calabria fortificata. Ricognizione e schedatura del territorio, Vibo Valentia, 1999


Galleria fotografica


 
Mappa
mappa

Atlante dei Beni Culturali della Calabria 2012 © - Tutti i diritti sono riservati
Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di piu' o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie