Beni Architettonici segnalati >> Castello Ruffo di Amendolea
Italia - Calabria - RC - Condofuri

Tipologia
Bene Architettonico

Descrizione
Condofuri fu fondato nel IV secolo d.C., durante la colonizzazione bizantina, probabilmente sul luogo della locrese Peripoli, e subì numerose devastazioni e dominazioni: fu ripetutamente devastato dai Saraceni, nel 1099 divenne feudo di Riccardo di Amigdalia, nel 1495 degli Abenavoli e infine dei Ruffo.
In posizione dominante sulla valle dell’Amendolea, a 358 m s.l.m. e a 8 km dalla costa jonica, sorge il castello normanno che si articola su una rupe. Edificato proprio dai Normanni nel XII secolo, il rudere si presenta con un muro di cinta che delimita uno spazio di ingresso di forma parallelepipeda da cui si accede ad una zona residenziale; di questa rimane una sala rettangolare con alte pareti e finestre ad arco e muri intervallati da piccole torri che hanno lungo il perimetro feritoie e merli che si adattano al ciglio roccioso. Una torre rettangolare isolata fungeva da mastio. L’edificio era a pianta irregolare con robusti muraglioni merlati che seguono il ciglio delle scarpate. Le mura, di pietrame intercalato con cocci di coppi, hanno un andamento curvilineo nella zona nord-est; la parte sud presenta una torre quadrangolare, mentre a sud-est il muro presenta una finestra ad arco che delimitava una sala ad oggi crollata. All’interno della cinta muraria sono ancora ben leggibili gli ambienti originari.

Fonti bibliografiche:
Cogliandro A. - Cogliandro D. - Genovese G. - Marino R. (a cura di), Castelli nella Provincia di Reggio Calabria,2002
Calderazzi A. - Carafa R. (a cura di), La Calabria fortificata. Ricognizione e schedatura del territorio, Vibo Valentia, 1999.



Galleria fotografica


 
Mappa
mappa

Atlante dei Beni Culturali della Calabria 2012 © - Tutti i diritti sono riservati
Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di piu' o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie