Beni Architettonici segnalati >> Castello Ruffo
Italia - Calabria - CS - San Lucido

Tipologia
Bene Architettonico

Descrizione
Nel 1092 l'intero paese di San Lucido venne donato da Ruggero d'Altavilla all'arcivescovo di Cosenza Arnolfo II, il quale a difesa dei territori cedutigli fece ergere il castello, in pietrame locale appena sbozzato,  su uno sperone roccioso a picco sul centro storico. La fortezza fu poi dei Carafa dal 1494 al 1611, in seguito “dei di Sangro ed in ultimo dei Ruffo che lo tennero sino al 1806”. Infatti fu qui che nacque il Cardinale Fabrizio Ruffo, celebre per essere stato alla guida dell'esercito Sanfedista.
Poco resta della fortezza, in parte distrutta con la trasformazione a residenza. Sono ancora leggibili i sotterranei, le cisterne e i camminamenti; in elevato rimangono i bastioni scarpati con redondone e le bocche da fuoco. In sito un ponte in muratura che scavalca il profondo fossato realizzato quando il castello fu trasformato dai Ruffo in imponente palazzo così come appare in una foto dell’inizio secolo”. Dunque dai ruderi del castello, di forma irregolare, è ora possibile scorgere le mura perimetrali dotate di parecchie feritoie ed il ponte che collegava il castello alla chiesa di San Giovanni Battista.

Fonti bibliografiche:
Calderazzi A. - Carafa R. (a cura di), La Calabria fortificata. Ricognizione e schedatura del territorio, Vibo Valentia, 1999
 
Mappa
mappa

Atlante dei Beni Culturali della Calabria 2012 © - Tutti i diritti sono riservati
Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di piu' o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie